Tag Archives: mercato

Facebook lancia la sua sezione notizie nel Regno Unito

Facebook News (Immagine: Facebook)Facebook ha scelto il Regno Unito come primo mercato internazionale fuori dagli Stati Uniti in cui lanciare la sua sezione di aggregazione delle notizie, Facebook News. Il portale sarà accessibile tramite una scheda, identificabile dall’icona di un quotidiano, presente nel menù dell’applicazione Android e iOS.
Al momento del lancio Facebook News riporterà i contenuti pubblicati da centinaia di media locali e nazionali tra cui Channel 4 News , Daily Mail Group, Financial Times, Sky  News e Telegraph Media Group. Questi editori si aggiungeranno ai nomi come The Economist, The Guardian, The Independent, GQ, Glamour e Vogue (gli ultimi tre editi dal gruppo editoriale che pubblica anche Wired, Condé Nast) già annunciati a novembre in un primo elenco di partner.
Esattamente come accade nella versione statunitense, agli utenti britannici di Facebook News verrà fornito un elenco di notizie fresche di giornata selezionate da un algoritmo in base alle pubblicazioni seguite, alle notizie condivise o ai propri interessi.
L’utente potrà impostare le preferenze in base ai temi su cui vuole essere aggiornato, scegliendo, per esempio, tra sport, intrattenimento, salute, scienza e tecnologia, o escludendo i temi su cui non desidera essere informato.
Secondo quanto riferito da TechCrunch, gli accordi di licenza che Facebook sta siglando con gli editori ammonterebbero collettivamente a decine di milioni di sterline. Menlo Park fa sapere di essere già al lavoro per portare il servizio in Francia e Germania, dove sono già in corso le trattative con i partner editoriali.
 
The post Facebook lancia la sua sezione notizie nel Regno Unito appeared first on Wired.

Go to Source
Author: Gabriele Porro

L’intrigo dell’ultima settimana di mercato: dove andrà Dzeko?

L’intrigo dell’ultima settimana di mercato: dove andrà Dzeko?C’è un giro vorticoso di attaccanti da sistemare, ma il nome del momento è quello del romanista. E poi Papu Gomez, Scamacca, Cutrone, Lasagna…


Go to Source
Author: Alfredo Pedullà

Mercato di A quasi fermo: a una settimana dalla fine solo 34 operazioni. E all’estero non va meglio

Mercato di A quasi fermo: a una settimana dalla fine solo 34 operazioni. E all’estero non va meglioUn anno fa la sessione invernale chiuse con 179 contratti depositati. Finora solo 8 trasferimenti a titolo definitivo, ma la crisi per il Covid coinvolge tutta Europa


Go to Source
Author: Matteo Nava

Marotta: “Hakimi? Solo speculazioni. Vecino è in gruppo, il mercato è chiuso”

Marotta: “Hakimi? Solo speculazioni. Vecino è in gruppo, il mercato è chiuso”L’a.d. nerazzurro: “Alcune notizie sono state divulgate soltanto per destabilizzarci. Siamo competitivi con questi calciatori”


Go to Source
Author:

Inter, cosa ti aspetta ora? Dalla questione societaria al mercato, tutto quello che c’è da sapere

Inter, cosa ti aspetta ora? Dalla questione societaria al mercato, tutto quello che c’è da sapereDifficile sbilanciarsi sugli acquisti e su ciò che accadrà ai piani alti. Senza dimenticare Conte: lo scorso agosto sembrava out, oggi sogna lo scudetto


Go to Source
Author: Francesco Fontana

Come cambia la bolletta dell’energia per le piccole imprese

(Foto: Getty Images)La bolletta energetica si incammina verso l’inizio definitivo del mercato libero: per le piccole imprese si avvicinano le scadenze per decidere il fornitore di elettricità. Senza operare tale scelta il servizio non sarà mai sospeso, ma l’utenza verrà assegnata dall’1 luglio 2021 a un operatore selezionato attraverso aste territoriali.
Il mercato tutelato è finito l’1 gennaio 2021 sia per le piccole imprese (con 10-50 dipendenti o fatturato annuo di 2-10 milioni di euro), che per le micro-imprese titolari di punto prelievo superiore a 15 kilowatt (kW). Quelle che non sono ancora passate al mercato libero sono entrate automaticamente nel servizio a “tutele graduali”, che fino al 30 giugno verrà erogato dal medesimo fornitore con il quale l’utenza è attiva. Una fase “provvisoria” a condizioni contrattuali diverse, le stesse della cosiddetta offerta Placet, e un prezzo sostanzialmente invariato se non per la parte di “spesa energia”. Questa continuerà a riflettere le variazioni del mercato all’ingrosso, ma sarà basato sui valori del Prezzo unico nazionale (Pun), il prezzo di riferimento dell’energia elettrica in Italia acquistata alla borsa elettrica.
A partire da luglio il servizio a tutele graduali passerà in mano agli esercenti selezionati dall’Autorità di regolazione per energia eeti e ambiente (Arera), attraverso appositi concorsi (che si ripeteranno ogni tre anni). In questo caso il prezzo sarà basato anche sulle condizioni definite in sede d’asta territoriale. Il passaggio verrà notificato da una comunicazione dell’operatore entrante al cliente.
Per i clienti domestici e per tutte le altre micro-imprese (potenza impegnata inferiore a 15 kW) il servizio di mercato tutelato proseguirà invece fino al 31 dicembre 2021. Per tutti l’Arera ha messo a disposizione il portale offerte, dove famiglie e imprese possono confrontare e scegliere in modo immediato, chiaro e gratuito le offerte di elettricità e gas naturale, selezionando l’offerta ritenuta più adatta alle proprie esigenze in regime, appunto, di mercato libero.
The post Come cambia la bolletta dell’energia per le piccole imprese appeared first on Wired.

Go to Source
Author: Daniele Monaco

L’aumento dei flop nel mercato più povero. E il Covid non c’entra…

Il report annuale della Fifa sui trasferimenti internazionali: solo due dei dieci colpi di mercato più cari hanno finora reso all’altezza. Gli altri otto sono stati un fallimento…

Si spende meno, ma si spende peggio. Il report annuale della Fifa sui trasferimenti internazionali, accanto a dati facilmente prevedibili, contiene anche indicazioni sorprendenti. L’impatto della pandemia sulle operazioni di calciomercato del 2020 è stato significativo: il movimento di capitali è sceso del 23,4%, a quota 5,63 miliardi di dollari, rispetto ai 7,35 miliardi circolati nel 2019, e questo nonostante la sessione di gennaio, l’ultima prima del coronavirus, avesse battuto ogni record precedente. Una flessione in linea con il calo dei fatturati dei club.


Go to Source
Author: Gianfranco Teotino