Tag Archives: russi

Basket, Eurolega: Milano k.o. col Cska al supplementare

Due triple nel finale di Hackett fermano l’Olimpia che sfiora il successo contro i russi che restano al comando del torneo. Non sono bastate all’AX le fiammate di Punter, Delaney e Shields

Milano-Cska Mosca 87-91 dts

—  

Milano lotta con ferocia ma non riesce a fermare la marcia della capolista Cska. Gara vibrante con infinite emozioni con l’Olimpia che strappa l’overtime dopo una sciocchezza dell’ex Mike James. Nel supplementare è uno splendido Hackett a dare la spinta decisiva agli ospiti che accumulano numeri da corazzata: 12 successi consecutivi per gli uomini di Itoudis con Milutinov da record con 16 rimbalzi d’attacco a referto. Non sono bastate all’AX le fiammate di Punter, Delaney e Shields, oltre alla solida prestazione di LeDay.

La gara

—  

È Milutinov a premiare le mani veloci della difesa moscovita in avvio, la risposta biancorossa arriva dallo squillo di Punter, 3-4. Cska che va forte a rimbalzo sempre con il centro serbo in evidenza, ottimo movimento ed appoggio di Shengelia per il più 3 ospite, 5-8. Fatica in attacco l’AX ma regge il fortino dei padroni di casa grazie al sacrificio difensivo contro gli esterni dei russi, sorpasso siglato da LeDay, 9-8. Fiammata russa con Hilliard e Shengelia a dare la spinta alla truppa di coach Itoudis, 9-14. Mescola le carte Ettore Messina che da spazio a Rodriguez, botta e risposta tra Hines ed Hackett, i più brillanti tra i vari ex della sfida, 15-17. Ancora silente invece James che sbatte spesso contro il muro milanese, LeDay sfrutta un sontuoso assist di Rodriguez mettendo il morbido jumper che vale la parità alla prima sirena, 17-17. Gara intensa e ruvida nei contatti, tanta sofferenza a rimbalzo per l’Olimpia, due splendide conclusioni di Hackett lasciano avanti gli ospiti, 21-26 dopo il botto di Strelnieks. Milano si affida alla verve di Shields, il Cska non molla la presa approfittando dell’antisportivo assegnato a Tarczewski, 25-31. Hackett illumina la scena sui due lati del campo, l’ex pesarese arma la mano di James che si sblocca con la comoda tripla del più 9, 27-36. L’esperienza e la classe di Rodriguez tengono a contatto l’AX che, nonostante nessuna tripla a referto ed il dominio moscovita a rimbalzo, resiste a meno 6 alla pausa lunga, 33-39. Dopo l’intervallo Milano da battaglia con LeDay protagonista, due liberi di Punter riportano i padroni di casa ad un solo possesso, 39-41. Prova a ripartire il Cska con Voigtmann ma LeDay trova anche la prima tripla del match dell’Olimpia, aprono il fuoco anche Shields e Punter ed arriva l’agognata parità a quota 48. James inizia a carburare e gli ospiti riprendono energia, Punter resta un demonio in transizione, l’ex Virtus Bologna “scherza” contro Kurbanov ed è ancora parità, 53-53. Sale di colpi anche la difesa biancorossa, Datome mette la freccia con uno splendido tiro in allontanamento, 55-56. Voigtmann e James prendono fuoco nel finale di terzo periodo, Delaney ha la forza per un clamoroso buzzer beater per il meno 1 alla penultima sirena, 58-59. Spettacolo ed intensità degni di una match da puro stile playoff anche in apertura di ultima frazione. Lotta l’Olimpia nonostante i 4 falli per Tarczewski e LeDay, Rodriguez firma il nuovo sorpasso con un’invenzione a centro area, 67-66. Esce di scena Tarczewski, resta l’equilibrio con Milutinov ormai da record a rimbalzo d’attacco, 73-74 siglato da Shields. Impazza anche James in un secondo tempo da ex al curaro, deraglia Punter contro Shengelia ma il prezioso recupero di Delaney regala all’AX l’acuto del meno 1 di LeDay, 77-78 con 39 secondi da giocare. Assalto all’arma bianca di James beffato dal ferro, Milutinov fa solo 1/2 ai liberi e Delaney impatta con un canestro da campione, 79-79. Un fallo dello stesso Delaney regala a James la possibilità del nuovo sorpasso dalla linea della carità. L’ex Pana, in veste natalizia, commette un’autentica follia sparando il secondo libero sul tabellone lasciando a Milano la chance per la vittoria. Delaney scarta il regalo dando una palla geniale ad Hines che però stecca il primo libero ed è overtime, 80-80. Nel prolungamento prova a scappare il Cska, James va assai meglio come assistman, due gemme che Kurbanov e Hackett tramutano nel più 5, 82-87. L’AX si aggrappa ad un commovente LeDay, il Cska non trema, la bomba dall’angolo di Hackett profuma di vittoria, 84-90. Finisce le energie la truppa di Ettore Messina con Shields che mette sul ferro la tripla della speranza, di Hackett il libero della staffa, 84-91.

AX MILANO:LeDay 21, Punter 17, Delaney 14

CSKA MOSCA: James 20, Hackett 19, Milutinov 17


Go to Source
Author: Marco Taminelli

Calciomercato, De Zerbi dice no allo Spartak Mosca e a 3 milioni l’anno

I russi avrebbero anche risarcito il club neroverde, ma il tecnico vuole concludere il progetto. Intanto le big restano alla finestra

Quando si sta bene in un posto, ci si pensa a lungo prima di lasciarlo. E di sicuro non lo si fa all’improvviso, tanto meno se c’è il rischio di mettere in difficoltà chi resta. Al Sassuolo i rapporti umani contano più di bel gioco e risultati: forse anche per questo Roberto De Zerbi vi si è sempre trovato così bene.


Go to Source
Author: G.B. Olivero

Champions, i risultati dei preliminari: vincono Krasnodar e Salisburgo

I russi battono 2-1 il Paok e sognano la prima qualificazione ai gironi. Gli austriaci passano 2-1 in casa del Maccabi Tel Aviv. Pari senza reti in Repubblica Ceca

Preliminari di Champions, ultimo atto prima dei gironi. Anche se stavolta servirà il ritorno per stabilire chi accederà alla fase finale del torneo (a differenza dei turni precedenti di qualificazione). Tre partite, due vittorie e un pareggio. Il Salisburgo rimonta il Maccabi e passa 2-1, stesso discorso per il Krasnodar sul Paok (altro 2-1). Tra Slavia Praga e Midtjylland finisce 0-0. Ecco come sono andate tutte le partite, il ritorno si giocherà il 30 settembre.

Krasnodar-Paok 2-1

—  

Pronti, partenza, calcio di rigore. Al 6′ penalty per il Paok Salonicco: il Var approva e Pelkas calcia, ma si fa ipnotizzare da Safonov e sbaglia. Tuttavia, al minuto 33, lo stesso attaccante greco segna la rete del vantaggio con un tocco preciso d’esterno. Sembra fatta, ma i russi si svegliano e pareggiano: al 38′ ci pensa Claesson a rimettere le cose in parità. Rigore anche qui, ma stavolta lo svedese segna col cucchiaio e sigla il quarto gol in stagione. Nella ripresa, al 71′, chiude i giochi Remy Cabella, ex Marsiglia, che da due passi mette dentro e fa sognare il Krasnodar, vicino a una storica – e primissima – qualificazione ai gironi.

Maccabi Tel Aviv-Salisburgo 1-2

—  

Il Maccabi passa in vantaggio, illude e poi crolla. Al 9′ Biton approfitta di un’ingenuità collettiva della difesa austriaca e batte Stankovic con un pallonetto col sinistro. Poi non c’è partita: il Salisburgo sale in cattedra e mette in mostra i tenori. Uno di loro, Dominik Szoboszlai, classe 2000, trasforma il rigore a inizio ripresa (49′) e rimette tutto sui binari giusti. Dieci minuti dopo ci pensa Okugawa a mandare mister Marsch sul 2-1. Gioco, partita, incontro, anche se il Maccabi spreca un’occasionissima con Shechter al minuto 80′, ma l’attaccante cicca da due passi e regala la palla a Stankovic. Nel finale palo del Salisburgo con Okafor e 1-3 sfiorato.

Slavia Praga-Midtjylland 0-0

—  

Tutto rimandato a Praga. Slavia e Midtjylland non si fanno male e si danno appuntamento al 30 settembre. Diverse occasioni per parte, soprattutto per Pione Sisto, ala dei danesi. L’ultimo arrivato dopo diversi anni al Celta Vigo. Sisto prova a pungere, ma a Praga non si passa. Solo 0-0 allo stadio Letna.

Le altre gare

—  

L’andata dei playoff si chiuderà con altre tre partite in programma domani (23 settembre). E’ il caso di Gent-Dinamo Kiev, Molde-Ferencvaros e Olympiacos-OmoniaNicosia. Tutti i match verranno giocati alle 21. Ritorno programmato per il 29 settembre.


Go to Source
Author:

Beach Volley: Nicolai e Lupo restano sul podio europeo, bronzo

I due azzurri conquistano il terzo posto battendo in rimonta i russi Liamin-Myskiv

Sulla sabbia lettone di Jurmala, dove tre anni fa Paolo Nicolai e Daniele Lupo avevano conquistato il terzo oro continentale in carriera, gli azzurri salgono sul terzo gradino del podio dell’Europeo 2020. Il secondo terzo posto in stagione dopo quello di marzo a Doha nei due tornei disputati quest’anno. A Majori Beach, gli avieri dell’Aeronautica Militare battono 2-1 (17-21, 23-21, 15-12) i russi Liamin-Myskiv al termine di una gara giocata sempre sul filo dell’equilibrio.


Go to Source
Author: Pierfrancesco Catucci